Statuto

ASSOCIAZIONE ITALIANA DI COLTURE CELLULARI
Nuove tecnologie a confronto - ONLUS

Denominazione - Scopo

Art. 1) La Branca Nazionale Italiana dell'European Tissue Culture Society (ETCS) è costituita in Associazione libera ai sensi degli artt. 36 e seguenti del Codice Civile sotto la denominazione: ASSOCIAZIONE ITALIANA DI COLTURE CELLULARI NUOVE TECNOLOGIE A CONFRONTO - ONLUS o con denominazione abbreviata "ONLUS AICC".

Art. 2) L'Associazione ha per scopo di promuovere lo studio e l'applicazione della coltura in vitro per lo sviluppo della ricerca biomedica mediante incontri scientifici, pubblicazioni, addestramento nelle tecniche della coltura in vitro, scambio di ricercatori ed informazioni tra gli Istituti di Ricerca. Essa, pertanto, deve intendersi indirizzata all'esclusivo perseguimento di finalità di solidarietà sociale, formazione e istruzione.

Art. 2 bis) L'Associazione non potrà svolgere attività diverse da quelle menzionate nell'articolo precedente ad eccezione di quelle ad esse direttamente connesse.

Art. 2 ter) Nella denominazione ed in qualsivoglia segno distintivo o comunicazione rivolta al pubblico dovrà essere usato l'acronimo "ONLUS" quale indicatore di organizzazione non lucrativa di utilità sociale. Essa non esercita attività commerciale e non ha scopo di lucro.

Art. 3) L'Associazione ha sede a Milano in Via Eritrea, 62 presso l'Istituto di Ricerca "Mario Negri". Il Consiglio Direttivo (in deroga all'art. 9, lettera f) del presente Statuto) in qualsiasi momento lo ritenga giustificato può modificare la sede dell'Associazione.

Soci

Art. 4) L'Associazione è costituita da soci ordinari, sostenitori, emeriti e onorari. Possono essere nominati soci ordinari le persone fisiche già socie della Branca Italiana dell'ETCS e tutti coloro che, in possesso dei requisiti fissati dal Consiglio Direttivo, abbiano presentato domanda scritta di iscrizione. Possono essere nominati soci sostenitori le persone fisiche e gli enti che contribuiscono con più rilevanti mezzi economici alla realizzazione delle finalità dell'Associazione. Possono essere nominati soci emeriti le persone che hanno attivamente partecipato allo sviluppo dell'Associazione e soci onorari eminenti cultori della ricerca biologica. Tali titoli rimangono a vita. L'ammissione dei soci ordinari, dei soci sostenitori, dei soci emeriti e dei soci onorari viene fatta con delibera del Consiglio Direttivo. I soci ordinari e i soci sostenitori pagano una quota in misura non inferiore a quella annualmente stabilita dal Consiglio Direttivo per le rispettive categorie.

Art. 4 bis) La quota associativa di partecipazione all'Associazione è intrasmissibile ad eccezione dell'ipotesi di trasferimento a causa di morte e non è rivalutabile.

Diritti dei soci

Art. 5) Tutti i soci hanno diritto a partecipare all'attività culturale dell'Associazione ed a ricevere pubblicazioni e risultati degli studi dell'Associazione stessa e hanno diritto a partecipare all'Assemblea.

Art. 5 bis) Viene espressamente esclusa qualsiasi forma di temporaneità del diritto di partecipazione dei soci alla vita associativa. Ai soci maggiori d'età è riservato il diritto di voto per l'approvazione e le modificazioni dello Statuto e del Regolamento e per la nomina del Consiglio Direttivo dell'Associazione.

Patrimonio

Art. 6) L'Associazione trae i mezzi per conseguire i propri scopi: a) dalle quote e/o dai contributi dei Soci; b) dai contributi volontari di persone o enti che intendano partecipare e concorrere al raggiungimento degli scopi dell'Associazione.

Organi

Art. 7) Sono organi dell'Associazione: A) l'Assemblea dei soci; B) il Consiglio Direttivo; C) il Presidente; D) il Segretario; E) il Tesoriere; F) i Revisori dei Conti. Tutte le cariche sono gratuite. Tuttavia il Consiglio potrà attribuire al Segretario una indennità annuale.

Assemblea

Art. 8) L'Assemblea è costituita da tutti i soci dell'associazione ed è convocata una volta all'anno a norma dell'art. 16 del presente Statuto. L'Assemblea è inoltre convocata ogni qualvolta il Presidente lo ritenga opportuno o quando ne faccia richiesta scritta almeno un quinto dei soci. Il diritto di voto in Assemblea spetta a tutti i soci in regola con la quota associativa.

Art. 9) Sono di competenza dell'Assemblea: a) la nomina dei membri del Consiglio Direttivo; b) l'approvazione della relazione del Consiglio Direttivo sull'attività svolta dall'Associazione; c) l'approvazione del rendiconto annuale; d) la nomina del Collegio dei Revisori; e) le altre delibere attinenti all'attività dell'Associazione, ad essa sottoposte dal Consiglio; f) le eventuali modifiche dello Statuto e lo scioglimento dell'Associazione.

Art. 10) Ogni socio ha diritto ad un voto e può farsi rappresentare da altro socio mediante delega scritta. Ogni socio non può presentare più di una delega scritta. L'Assemblea è validamente costituita in prima convocazione con la presenza o rappresentanza di almeno la metà più uno del numero complessivo dei soci in regola con le quote associative (comprese le deleghe scritte); in seconda convocazione vale il numero, qualunque esso sia, dei soci intervenuti e/o regolarmente rappresentati. Essa delibera a maggioranza relativa dei presenti.

Art. 11) Per le modifiche al presente Statuto o per lo scioglimento dell'Associazione è richiesto, sia in prima che in seconda convocazione, il voto favorevole di almeno i due terzi dei soci in regola con le quote associative.

Consiglio Direttivo

Art. 12) Il Consiglio Direttivo è composto da un numero di membri che può variare da sette a nove. Sei membri sono eletti dall'Assemblea a maggioranza. Uno, al massimo due membri, possono essere cooptati dal Consiglio, qualora esistano ragioni motivate di allargare il numero dei Consiglieri nell'interesse dell'Associazione. Questi membri aggiunti scadono alla scadenza del Consiglio e possono essere ricooptati. Il Consiglio dura in carica quattro anni. Il Presidente del Consiglio uscente dell'ultimo quadriennio è membro di diritto del Consiglio per il quadriennio seguente.

Art. 12 bis) Ai fini dell'elezione del Consiglio Direttivo, ciascun socio in sede assembleare avrà diritto ad un voto, ai sensi dell'articolo 2532, secondo comma del codice civile.

Art. 13) L'elezione dei membri del Consiglio è effettuata dall'Assemblea dei soci, nel corso della quale avverrà lo spoglio delle schede. Nella scheda di votazione i soci segnalano il nome del Presidente, del Vice Presidente e di quattro Consiglieri. Il Consiglio si riunisce almeno una volta all'anno su convocazione del Presidente. Le riunioni del Consiglio sono convocate e presiedute, in assenza del Presidente, dal Vice Presidente e, in assenza di questi, dal Consigliere più anziano. Il Consiglio è validamente costituito con la presenza di almeno la metà dei suoi componenti e delibera a maggioranza dei presenti. In caso di parità prevale il voto di chi presiede.

Art. 14) Al Consiglio è affidata la gestione ordinaria e straordinaria dell'Associazione, la promozione e l'organizzazione dell'attività sociale, la erogazione dei mezzi di cui dispone l'Associazione per il raggiungimento dei fini di cui al presente Statuto. Il Consiglio determina l'ammontare delle quote associative. Il Consiglio può delegare parte dei suoi poteri ad uno o più dei suoi membri nonché nominare commissioni (a termine) con incarichi specifici.

Presidente

Art. 15) Al Presidente spetta la legale rappresentanza dell'Associazione, con firma libera, con facoltà di nominare procuratori alle liti o ad negotia.

Segretario

Art. 16) Il Segretario è designato dal Presidente preferibilmente fra i membri del Consiglio; egli cura l'esecuzione delle delibere del Consiglio e la gestione ordinaria dell'Associazione ed esercita anche altre funzioni eventualmente delegategli dal Consiglio. Inoltre il Segretario provvede sia alla convocazione del Consiglio e dell'Assemblea dei soci su richiesta del Presidente o di almeno un quinto dei soci, sia alla trasmissione al Consiglio delle proposte presentate da almeno un quinto dei soci.

Art. 16 bis) Le convocazioni dell'Assemblea saranno effettuate dal Segretario mediante invito ai soci in regola con il versamento della quota associativa spedito tramite la posta ordinaria almeno 15 giorni prima della data della riunione, oppure tramite fax o posta elettronica almeno sette giorni prima. Copia delle deliberazioni assembleari, dei bilanci o rendiconti, sottoscritta dal segretario, sarà affissa nei locali della sede.

Tesoriere

Art. 17) Il Tesoriere che è designato dal Presidente preferibilmente tra i membri del Consiglio, riferisce annualmente all'Assemblea sulla gestione economica dell'Associazione e compila il rendiconto al 31 dicembre di ogni anno.

Art. 17 bis) Il rendiconto economico e finanziario annuale predisposto dal Tesoriere dovrà essere preventivamente approvato dal Consiglio Direttivo prima di essere sottoposto all'esame dell'Assemblea.

Art. 17 ter) Durante la vita dell'Associazione è vietato distribuire, anche in modo indiretto, utili o avanzi di gestione, nonché fondi, riserve o capitale, salvo che la destinazione o la distribuzione non siano imposte dalla legge o siano effettuate a favore di altre ONLUS che per legge, statuto o regolamento fanno parte della medesima ed unitaria struttura.

Art. 17 quater) Eventuali utili o avanzi di gestione dovranno essere impiegati per la realizzazione delle attività istituzionali e di quelle ad esse direttamente connesse.

Collegio dei Revisori dei Conti

Art. 18) Il Collegio dei Revisori dei Conti è composto da due membri effettivi e uno supplente eletti dall'Assemblea anche tra i non soci dell'Associazione. Il Collegio dei Revisori dei Conti esercita le funzioni di controllo contabile dell'Associazione e ne riferisce all'Assemblea. I Revisori dei Conti restano in carica quattro anni e sono rieleggibili.

Scioglimento

Art. 19) In caso di scioglimento dell'Associazione, o comunque di sua cessazione per qualsiasi causa, l'eventuale patrimonio residuo sarà devoluto ad altre organizzazioni non lucrative di utilità sociale o a fini di pubblica utilità, sentito l'organismo di controllo di cui all'art. 3, comma 190, della legge 23 dicembre 1996, n. 662, salvo diversa destinazione imposta dalla legge, escluso in ogni caso qualsiasi rimborso ai soci.